STORIA DI UNA SFIDA ... ULTIMA PUNTATA?

Nella ricerca di un migliore approccio con la vita giorno dopo giorno operiamo scelte che frequentemente ci portano fuori dal seminato.

Correre per me è un baluardo, una certezza che finora non mi ha mai lasciato nel dubbio eppure?!?

Eppure capita che mi caccio in qualche guaio da cui venirne fuori non è poi così facile.

Anche quando piove, fa freddo, caldo o sono stanco da morire la fantasia per corricchiare un po' e scaricare le tensioni del quotidiano non viene mai meno.
Diverso è l'approccio con l'agonismo esasperato. Certe volte mi carica come una molla, altre mi prosciuga ogni stilla di energia.
E' in questa chiave che prediligo correre la maratona.
Vero è che mi sono anche massacrato per abbattere il muro delle 3 ore, ma anche se il tempo sperato non arriva mi resta sempre la gioia di partecipare a qualcosa di grande di magico, con parole pregne di retorica alla storia.
Questa è la filosofia che per 25 volte mi ha portato ad affrontare la distanza regina, talvolta ritirandomi, altre finendo fra mille difficoltà.
Nell'autunno del 2005 ho corso a New York. Si è trattato di una terribile giornata afosa, che unita a problemi di fuso e di stanchezza generalizzata non mi hanno consentito di chiudere con il risultato previsto, ma questo neanche per un attimo ha minato la mia allegria, sono sempre rimasto ben piazzato al centro dell'evento e quando l'aereo è ripartito verso Roma mi sentivo proprio come uno che aveva messo un'altra cosa a posto nell'archivio della vita, insieme al Passatore e ad altri magici ricordi corsaioli.

Qualcuno dice che voglio a tutti i costi quadrare i cerchi che madre natura ha fatto rotondi, forse ha ragione, ma a me sta bene così e per nessun motivo voglio cambiare il mio modo di essere.

Torniamo però ai guai, nella fattispecie rappresentati dal giro da 5k a Villa Pamphili.
Sicuro di una mia presunta superiorità su Filippo ho accettato la sua sfida sul giro da 5km e quando la realtà mi ha presentato un conto amaro ho dovuto scegliere se quadrare il cerchio non dando importanza alla sfida o tornare ad allenarmi in modo insano per tornare ad avere quel "C .Z.O" di Record.

Le puntate precedenti le conoscete e se sono qui a scrivervi di questo, forse ultimo atto, è perché a seguito di duri e indesiderati allenamenti veloci, a seguito di dure e faticose pseudo diete, a seguito dietc etc sono riuscito alle porte del Natale a fare un bel regaloin primis a me e in subordine a "Lui" stampando 18.55 su un 5000 che notoriamente è 25 secondi + lento che non in pista. Gente ben più abituata di me a correre questa distanza mi ha anche detto che un finale forte come quello che ho fatto è di per se dimostrazione che potevo fare meglio se solo avessi il coraggio di soffrire di più(tutto ciò è terribile !!!).
Adesso Filippo è 16 secondi lontano e sinceramente spero che la resti, perché la cosa che più mi spaventa sarebbero gli ulteriori insani e necessari "mazzi" da farsi per provare a fare ancora meglio di così.

Dove finisce il gioco e comincia la pazzia è una linea di confine così labile e a voi lascio l'ardua sentenza.

Per pura documentazione allego i parziali di passaggio dei 2 record. Ricordando che del vecchio primato mi valgo di tempi datimi da lui e da chi ha assistito a quel per me "malefico" evento.

Per correttezza mi è doveroso aggiungere che le condizioni meteo in occasione del mio tentativo erano assolutamente perfette: 8 gradi, assenza di vento e umidità relativa abbastanza bassa; mentre Filippo trovò sì una giornata estiva abbastanza fresca e poco umida, ma venne disturbato da un forte vento di maestrale.
Distanza Riferimento
Descrizione
Percorso
Tempo
Parziale
Mio
Tempo
Parziale
Filippo
Tempo
Totale
Mio
Tempo
Totale
Filippo
500 metri Albero Grande Chiesa leggera discesa 1.41 1.43 1.41 1.43
1000 metri Fine Scala salita 2.02 1.57 3.43 3.40
1500 metri Fine Staccionata discesa 1.50 1.51 5.33 5.31
2000 metri Albero a ds prima di panchina leggera salita 1.56 1.57 7.29 7.28
2500 metri Casa Pensionati leggera salita 1.58 1.59 9.27 9.27
3000 metri Albero a sx dopo panchina leggera discesa 1.54 1.57 11.21 11.24
3500 metri Inizio Staccionata leggera discesa 1.53 1.57 13.14 13.21
4000 metri Inizio Scalinata salita 2.00 2.00 15.14 15.21
4500 metri Albero Grande Chiesa discesa 1.51 1.55 17.05 17.16
5000 metri Chiusura leggera salita 1.50 1.55 18.55 19.11

Gian Carlo Pelliccia

 

ritorna alla pagina iniziale