Boston 20/4/09. Ok... vado !

 

 

Emozioni. Lacrime. Gioia mista a fatica. Correre tra un milione di persone che hanno la consapevolezza di quanto stai dando. Vento freddo che ti soffia in faccia prosciugandoti ogni stilla di energia. Gambe e teste che al tuo fianco e al tuo pari si ostinano ad andare contro tutto. Qui non si scherza, qui si va. Cattiveria agonistica. Chi, magari tra mille sacrifici, si Ć qualificato oggi sa che deve fare onore al pettorale profondendo il massimo impegno. Nessuno sceglie queste gara per fare il turista, per quello c'Ć New York. Qui c'Ć la storia e se vuoi farne parte non hai che da accogliere il suo richiamo. La maratona di riferimento di tutti i runners americani Ć, ma soprattutto resterł, sempre Boston.

l'anno dopo le prime Olimpiadi del 1896 qui si Ć deciso di correre una gara capace di far rivivere quell'esperienza. Da allora, senza alcuna interruzione, sono 113 anni che l'evento si perpetua diventando un mito ed entrando in simbiosi con la cittł e con i suoi abitanti. Da circa un secolo il percorso Ć sempre lo stesso. Le miglia della Maratona fanno parte della segnaletica della strada. Al suo scoccare, la linea doppia di mezzeria Ć interrotta al centro della carreggiata dal sacro simbolo di misurazione Ogni essere vivente di Boston Ć nato che la maratona gił c'era. Bambini che sono stati portati dai loro nonni ad un "certo" corner di strada a vedere il passaggio dei "valorosi", oggi... sono loro i nonni che, in quello stesso angolo, accompagnano i loro nipoti. Qui la gente ti chiede quanto hai fatto... non in che posizione ti sei classificato !!! Correre un miglio in 8 minuti per chiudere un soffio sotto le 3h e 30 Ć un concetto assunto dai piŁ e non riservato solamente a maniaci come noi. Qui, a Boston, lunedô scorso ho corso la piŁ bella Maratona della mia vita. Ho finito la mia 25esima fatica, ma chi mi conosce sa che son partito molte piŁ volte.

Tornando indietro, dovendone scegliere solo una, non avrei dubbi, correrei questa. Fino a ieri a chi me lo aveva chiesto avevo risposto Berlino e mai avrei pensato di cambiare idea.

 

L'adrenalina comincia ad arrampicarsi gił il giorno prima della gara. Arriviamo al centro Maratona prima delle 10 di mattina. Siamo 5, con me Giancarlo Casentini(3h e 08), gił mio compagno di viaggio a Stoccolma, a New York e al Passatore fianco a fianco per quasi 12 ore. Lui Ć stato a Boston lo scorso anno e sentendosi colpevole di non averla potuta correre al 100%(3h e 30) si ripresenta al via con tutt'altro piglio. Gli altri 3, sono Gianni(3h e 59), Giovanni (3h e 36) e Francesco(2h e 47). Son tutti amici di Giancarlo, non li conoscevo, ma l'intesa Ć stata perfetta fin dal primo metro cosô come sempre accade tra "malati" e come l'esperienza dei Blog Point ci ha gił insegnato.

Al centro Maratona, su appuntamento preciso, incontriamo Mike(3h e 55), altro amico di Giancarlo, lui Ć indigeno, ha 60Y, ha corso 13 volte Boston e ci farł da Cicerone in maniera impeccabile. L'atmosfera Ć carica, elettrica, tutte le novitł tecnologiche sono esposte in bella mostra. C'Ć da perdersi e infatti passsan 2 ore in attimo. Usciamo, Mike ci sequestra e con la sua Jeep ci porta fuori Boston a casa di suoi amici dove c'Ć un pranzo pre-gara di una societł di running locale. Posto ameno, classiche villette americane su 2 livelli con giardino. Con orgoglio ci dice che in quella stessa strada c'Ć la casa dove vivevano da ragazzi i fratelli Kennedy. I proprietari, sembrano normali, ma si sono sposati 5 anni fa il giorno della maratona pronunciando quel si 10 minuti prima del via nella chiesetta a fianco alla partenza... poi ovviamente hanno fatto la gara. La targa personalizzata della loro auto recita: "I run". divoriamo, quantitł industriali di dolci ed altre cose buone, conosciamo persone "particolari" tipo la campionessa del mondo del doppio Iron man(7.6km di nuoto-360km in bici e 84.4km di corsa) e un arzillo vecchietto 75Y che mette le 42km in fila come se piovesse.

Alle 15 si parte per il giro di ricognizione, percorso gara fatto in auto al contrario. Il sole splende, all'ombra Ć freddino, sembra il clima ideale per correre, ma Ć gił chiaro che il vento Ć contrario. Sull'Heart Break Hill veniamo deviati perchÄ stanno facendo una garetta sul miglio, dedicata ai ragazzi, divisa per anni di nascita. Scendiamo e assistiamo allo spettacolo ancora una volta rapiti dall'entusiasmo che coinvolge la gente. Questo siparietto finisce con lo speaker locale che ci da il suo in bocca al lupo per lo show di domani, la gente presente ci applaude. Quasi imbarazzante. Di nuovo in auto, non c'Ć un metro di pianura. Il cambio automatico ammorbidisce le sensazioni, ma Ć chiaro che sarł tosta. Mike spende fiumi di parole sulle difficoltł e le curiositł di ogni miglio. Finalmente arriviamo a Hopkinton sulla start line dove faccio la foto del post. C'Ć tanta gente, come fosse normale fare questo rito propiziatorio. Alle 18, inaspettata sorpresa, siamo a cena dalla figlia di Mike che ci prepara lasagne al forno e antipasti vari. Anche qui veniamo accolti in pompa magna, divoriamo quantitł di carboidrati impressionanti e alle 8 siamo gił sulla via del ritorno.

Giornata perfetta, neanche tanto faticosa, forse abbiamo visto meno cose del turista medio, ma di certo abbiamo imparato di piŁ se Ć vero che si viaggia anche per cercare di capire usi e costumi altrui.

Nanna e sveglia anticipata. Alle 6 del mattino nella piazza centrale di Boston 500 scuola bus diretti da una regia impeccabile si allineano e raccolgono i podisti per portarli sul luogo di partenza. Uno sciame di polizia in moto sulle Harley Davidson fa da scorta. E' uno spettacolo nello spettacolo.

A destinazione, cosô come a Londra e New York, c'Ć da mangiare, da bere, da coprirsi e servizi igienici in grande quantitł. Il termometro Ć vicino allo zero, ma sembra che solo noi lo avvertiamo. Ognuno ordinatamente va nella sua gabbia, ce ne sono 28, una ogni mille. Partenza ad onde. Due blocchi da 14.000 divisi da 30 minuti per consentire ai rifornimenti di riorganizzarsi.

Inno nazionale, caccia F18 che passano bassi e rombanti sulle teste e... VIAAAAAA

 

Ho oltre 5000 persone davanti, impiego quasi 3 minuti per arrivare sulla linea di partenza, ma gił dal primo metro riesco a filare abbastanza bene. Se quelli che ti sono davanti son tutti in grado di andare a 4.30 intoppi non se ne creano. Certo Ć impossibile seguire le traiettorie migliori e nelle varie curve e contro curve si Ć obbligati a tenere la direzione di marcia della grande onda. Il tifo Ć assordante, fra i runners l'entusiasmo Ć palpabile, ma nessuno gioca, testa bassa e pedalare. Passo il primo miglio in 7.30, dieci secondi di ritardo, ma ci sta, siamo un fiume in piena. Stando al lato della strada Ć piŁ facile effettuare piccoli sorpassi, ma le urla del pubblico ti stordiscono, la strada a schiena d'asino rende piŁ insidioso l'appoggio e il vento sa far male. Scelgo di restare nel mezzo, cercando di limare al meglio le traiettorie con piccoli spostamenti. I rifornimenti sono ad ogni miglio, ma ho deciso che per i primi 5 non ne prenderś. Ho bevuto pochino anche pre-gara, ma non voglio fermarmi a fare pit-stop sfruttando l'opportunitł che con questo clima morire disidratati non Ć probabile. 22.23 ai 5000, io ho preso le miglia, ma per comoditł vi illumino su dati piŁ interpretabili. La mia tabella mi voleva 10 secondi + lento, ma oggi si va, ci credo, io valgo meno di 3h e 15. L'alta percentuale di discesa dei primi 5km lascia il posto ad una regolare alternanza di vallonature. L'azione di corsa va rilanciata di continuo, ma non Ć facile perchÄ ogni volta che si Ć in cima all'erta il vento frena le spinte. Blow in front. Mollare mai. Bene i secondi 5km(22.20) sono in vantaggio sui pronostici, anche su Firenze, il respiro Ć facile. Forse sto esagerando, ma so che fino ai 25km devo rischiare, poi la salita si farł sentire e nel finale, cosô come mi aveva detto Mike, salterł la copertura delle colline e il vento sarł un inferno. Tifo alle stelle al passaggio da Nordic. Ogni miglio metto in cascina secondi preziosi, a tratti temo di perdere il contatto con la media, finchÄ il lap del 15 mi conferma un tempone (22.25) a dispetto di un saldo altimetrico leggermente passivo. Si avvicina il ventesimo. Il Wellsley College. Il luogo delle studentesse vampire. Ricordo le parole di Stefano(Runoldboy), resta sul lato destro. Gił da lontano si sente lontano un boato salire. PiŁ che un boato uno stridio disordinato. Sempre piŁ forte, assordante, incomprensibile. Migliaia di ragazze assiepate al lato della strada incitano a gran voce e si offrono per il Free-Kiss, "si dice" che gente del mio livello ha corso un km in 6.22 non resistendo alla tentazione di baciarne tante.

In molti si lanciano a braccia aperte, qualcuno anche clamorosamente a labbra aperte.

Premio Oscar per 2 ragazze che ostentano un cartello con la scritta Free Kiss for lesbians. Inebriante. Un lap del 20km ancora fin troppo veloce precede un passaggio alla mezza 15 secondi sotto all'ora e 35. Sono un minuto in vantaggio rispetto alla mia tabella. Ne guadagnassi 1 anche nella seconda parte potrei chiudere 3h 12 alto, che su questo percorso e con questo vento varrebbe ampiamente un tempo sotto a 3h e 10 su una 42km piatta e climaticamente assistita. Davvero valgo un time cosô basso ? Non so, forse no, ...allora, anche se fino al km 25 la strada la manderebbe ancora buona, freno l'istinto e torno calcolatore. Ora respiro agevole e al lap successivo di riferimento ho messo da parte un'altra decina di secondi. Da ora per 7km la strada farł su e giŁ offrendo tre erte importanti in sequenza con un saldo passivo di 80 metri sulla vetta dell'Heart Break. Affronto le salite sempre con prudenza, perdendo il passo di chi mi circonda. Non Ć il tipo do sforzo adatto ad un cinquantenne e i tanti ragazzi e ragazze che mi circondano sgambettano via in agilitł. Poi perś, a metł comincio a tenere botta e prima del gran premio della montagna inizio un recupero, si scollina e in un attimo mi riaggancio. Per tre volte sarł cosô. Al lap del 30esimo il vantaggio sulla tabella Ć salito quasi a 1 minuto e 30. Ultima salita, questo Ć il mito. Non vi aspettate il Mortirolo, si va su al 5% per poco meno di un km, ma lo si fa dopo 32km di corsa per nulla teneri. Tamburi, urla di incitamento, rifornimenti spontanei offerti da gente che da anni il giorno della gara viene qui gił alle 6 del mattino per prendere il "proprio" posto. La mente vola a Roma, dove.... "no quest'anno c'Ć poca gente perchÄ Ć freddino !!!".

Scollino con le lacrime agli occhi. Non mi interessa piŁ il tempo, ora so che ho vinto, ho vinto perchÄ sono qui, ho vinto perchÄ sono dentro la storia. GiŁ il cappello davanti a Boston e giŁ il cappello davanti a RunnerBlade. Adrenalina a mille.

Il declivio si fa favorevole, ce ne sarebbe di che volare, ma appena sulla vetta il mare e Boston vengono protetti dal forte soffio del vento di Nord est che, come una mano, ti si posa sul petto e rallenta l'incedere. Ai 35km sono ancora con circa 1. 30 di up, ma Ć chiaro che ormai il gioco sarł in difesa. Cerco di proteggermi dietro a quelli che hanno stazza da vendere, ma spesso son costretto a lasciarli perchÄ il loro passo si fa incerto. In discesa le articolazioni cominciano a farmi male e il ginocchio sinistro per 2 volte si blocca per una frazione di secondo. Indifferente il danno cronometrico, monumentale il danno psicologico. Perdo sicurezza. Cerco di recuperare fiducia incitando il pubblico e rubando qualche 5. Ma Ć un gioco pericoloso, l'adrenalina come la glicemia prima ti pompa, poi ti spegne. Purtroppo l'incantesimo finisce e diventa chiaro che l'energia Ć finita. Non ne ho piŁ. Dopo Firenze avevo scritto che negli ultimi km pur non essendo in grado di accelerare con quel passo avrei potuto continuare fino al 45esimo e oltre, oggi devo chiudere e farlo presto. Sento freddo. Sono spossato. Temo di non farcela. La sofferenza Ć in me. Il vento contrario Ć violento. Per chi l'ha fatta, a tratti Ć come la Roma Ostia degli ultimi 2km, solo che per arrivare fin qui si Ć faticato troppo di piŁ. I decibel delle urla del pubblico sono oltre il consentito, mi fanno solo male, ho gił succhiato tutto il loro aiuto, ora mi serve solo la concentrazione. Devo resistere, distrattamente seguo il crono delle ultime miglia, il calo Ć inesorabile eppure continuo un lento superare che avrł fine solo sulla linea del traguardo. 40esimo km, sono ancora con un vantaggio poco oltre il minuto. Basta correre anche tranquillamente e 3h e 14 sono centrate, ma il dolore alle gambe e i brividi mi fanno leggere qualsiasi risultato come ininfluente rispetto al bisogno assoluto di fermarmi di bere e di coprirmi. Ultimo sottopassaggio, ora ci sono le 2 curve che ho visto spesso in TV e i 600 metri del rettilineo finale. Incredibile, dopo la prima curva Ć ancora salita, datemi la finish line, cosô Ć un massacro. Curva a sinistra, li vedo, laggiŁ in lontananza brillano gli archi blu dell'arrivo. Lacrime, ancora lacrime, ancora un passo, un altro... Ć fatta..., no ancora un morso, un altro, ora Ć davvero quasi finita. Guardo il crono e provo a capire dove sono, se sopra o sotto il valore del pi-greco. Indefinibile. Accelero, taglio il traguardo e clicco in ritardo 3h 14.00. Devo coprirmi. Intorno a me scene di panico, maratoneti stremati tremano di freddo, qualcuno vomita, qualcuno Ć sulla sedia a rotelle rannicchiato nelle coperte. Ancora circa mezzo miglio interminabile, tolgo il chip da solo ma non riesco a coprirmi con la mantellina. Una ragazza mi aiuta a vestirla e me la blocca con un adesivo. Finalmente mi mettono la medaglia al collo, la bacio e piango ancora.

Nulla voglio togliere a chi corre i 5km, ma certe emozioni arrivano solo dalla consunzione delle energie e dalla consapevolezza di aver dato di piŁ di quello che si ha. Chi cerca emozioni forti sotto questo arco ha da passare. Boston Ć la piŁ bella gara a cui ho partecipato.

Analisi tecnica: Solo uno dei big ha chiuso sotto le 2h e 09 e qui ci sono quelli veri. Le donne hanno fatto 2h e 32 chiudendo con uno sprint da fotofinish. La seconda arrivata(prima 2008) Ć svenuta dopo il traguardo. Quando si Ć svegliata ha chiesto candidamente chi avesse vinto. Una volta appreso della sua sconfitta Ć tornata tra le braccia di Morfeo. Se Ć vero che questo percorso toglie due minuti ai campioni e 3 agli amatori, oggi erano almeno 4. Er Califfo dice che sotto a 3h e 10 con la gara buona ci vado quando voglio, senza modestia penso abbia ragione, ma ne parliamo un'altra volta.

Al momento di cambiarmi mi piego per infilarmi la tuta e mi prende un crampo alla fascia addominale pazzesco. Penso di morire dal dolore e ora le lacrime mi escono spontanee perchÄ, come Cristo, ho una lama sotto il costato.

Accendo il telefonino, sms di Alvin. 3h 13.58 bravo Mister.

No, non Ć l'ultima maratona che farś, anzi spero di farne altre 25, ma ora spegnete la luce. Ho sonno, voglio riposare e fino a domenica prossima se credete di vedere me che corro.... guardate meglio, Ć un sosia!

 

Gian Carlo Pelliccia